Post

Share this post

Cinema: mancato scudetto Viola dell”82 rivive in ‘falso’ doc

(ANSA) – FIRENZE, 12 MAG – Lo scudetto mancato dalla
Fiorentina nel 1982, di cui ricorrono i 40 anni il 16 maggio,
rivivrà nel documentario di Federico Micali dal titolo ‘L’anno
del terzo scudetto’ che inizierà a girare proprio nei prossimi
giorni. Non sarà però un vero e proprio documentario, ma un ‘finto documentario’ (in gergo cinematografico mockumentary),
perché Micali ricostruirà la finale con la Fiorentina che “si
aggiudicherà il terzo scudetto che avrebbe meritato”. Nel doc il regista fiorentino racconterà quella
straordinaria stagione (dall’arrivo dei Pontello ai nuovi
acquisti passando per lo spaventoso infortunio di Antognoni)
fino all’ultima giornata di campionato con il gol annullato a
Graziani. Micali farà tesoro di interviste ai protagonisti di
allora per raccontare quella rocambolesca stagione fino a
comprendere materiali d’archivio tv di 90/o Minuto e della radio
di Tutto il calcio minuto per minuto, ma appunto con un finale
diverso dalla realtà: la Fiorentina vincerà il terzo scudetto. A
scandire i tempi del ‘falso documentario’ anche le voci dei
giornalisti Enrico Ameri da Catanzaro e Sandro Ciotti da
Cagliari in un rimbalzo di linea che rappresenta ancora oggi uno
dei momenti più emozionanti di Tutto il calcio minuto per
minuto. “L’anno del terzo scudetto – ha detto Micali – proverà a
scacciare i fantasmi di migliaia di fiorentini fuori dagli
armadi del passato, farli incontrare e parlare nel presente. È
il racconto della stagione nei suoi 90 minuti finali, tutto
quello che una città intera avrebbe voluto vivere. Un ponte tra
generazioni, questo vuole essere il film, per chi ha vissuto
quel 16 maggio con disperazione, rabbia, rivalsa e ironia, e chi
oggi desidera anche solo respirare l’aria delle grandi
occasioni, che solo una grande squadra riesce a trasmettere, in
un anno di soddisfazioni per i tifosi viola. Ricordando chi e
dove eravamo in quel preciso momento: io, per esempio, ero
attaccato alla radiolina in campagna dei miei”. (ANSA).
   

Leave a comment