Post

Share this post

A Cannes si balla con Elvis, David Bowie e Lee Lewis

(ANSA) – ROMA, 13 MAG – Festival e biopic musicali sono ormai
un binomio sempre più vincente e il prossimo Festival di Cannes
(17-28 maggio) non è da meno. In questa edizione sono ben tre le
star musicali che verranno ricordate con altrettanti lavori:
ELVIS diretto da Baz Luhrmann che narra la vita di Elvis
Presley, il complicato rapporto col manager Colonnello Tom
Parker e la relazione con la moglie Priscilla Presley; MOONAGE
DAYDREAM, documentario pieno di inediti di Brett Morgen dedicato
a David Bowie e, infine, JERRY LEE LEWIS: TROUBLE IN MIND ancora
un docu, a firma di Ethan Coen, dedicato al cantautore e
pianista statunitense tra i maggiori esponenti del rock n’roll.
    Partendo da quest’ultimo, l’unico tra l’altro dedicato a un
musicista ancora vivo (Lee Lewis ha 86 anni), si tratta di un
film che passerà a Cannes nella sezione ‘proiezioni speciali’
che può rivendicare un primato: è il primo film che Coen ha
diretto senza suo fratello Joel.
    Nel segno del glamour e delle star ci sarà invece fuori
concorso ELVIS di Baz Luhrmann (MOULIN ROUGE), uno dei film più
attesi sulla Croisette che racconta la vita del Re del Rock and
Roll, Elvis Presley (Austin Butler). Centrale in questa biopic
il rapporto con il suo manager, il colonnello Tom Parker (Tom
Hanks), con il quale Elvis intreccerà un sodalizio artistico
della durata di circa vent’anni. Il film si concentra proprio su
questo rapporto complesso, a partire dall’ascesa della prima
rockstar della storia fino al raggiungimento della fama
mondiale.
    Infine MOONAGE DAYDREAM, documentario di Brett Morgen
dedicato a David Bowie re assoluto del pop-rock. Il film, il
primo approvato ufficialmente dagli eredi e prodotto da
Universal Pictures Content Group e Neon, racconta Bowie
attraverso filmati, performance e musica inediti. L’idea di
Morgen è stata quella di esplorare le tante forme d’arte
sperimentate dall’artista nel corso della sua vita: danza,
pittura, scultura, collage video e audio, sceneggiatura,
recitazione e teatro dal vivo. (ANSA).
   

Leave a comment